ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

giovedì 18 aprile 2019

La Tua Crisi Esistenziale E' In Realtà Una Chiamata Spirituale Mascherata?


"Così tanti sono vivi e non sembra che gliene importi. Casuali, facili, si muovono nel mondo come se fossero intatti. Ma tu provi piacere nei volti di coloro che sanno di avere sete. Apprezzi coloro che tengono stretto il sopravvivere. Non sei ancora morto, non è troppo tardi per aprire le tue profondità immergendoti e bevendo nella vita che si rivela qui in silenzio." ~ Rainer Maria Rilke 




Nel nostro viaggio verso la "civiltà" abbiamo trovato sempre più modi per intorpidire e disconnetterci dallo Spirito. Viviamo e lavoriamo in comunità chiuse, centri commerciali e edifici per uffici, con case e auto con aria condizionata, recinti, paesaggisti, controllori di animali, e trascorriamo il nostro tempo libero immersi in complessi e assorbenti mondi tecnologici. 

Per far fronte alla nostra fame d'anime, anneghiamo in medicinali soggetti a prescrizione medica, alcol, droghe ricreative, consumismo e altre forme di evasione dell'anima intorpidita. Soffochiamo persino noi stessi in rigidi sistemi di credenze che moralizzano e giudicano gli altri, promettendo di alleviare il nostro senso di alienazione dalla vita e dalle turbolenze esistenziali. 

Ma le nostre anime sono più sagge di tutto ciò. 

Arriva un momento nelle nostre vite in cui cresciamo fuori dai valori collettivi e dai modi di vivere comuni alle nostre società. Ad un certo punto della nostra vita, ci rendiamo conto che i valori, gli atteggiamenti, le relazioni e le convinzioni che abbiamo mantenuto non contribuiscono più allo sviluppo di chi siamo veramente: i nostri sé autentici. Questa crisi esistenziale, sebbene dolorosa, ci offre un'opportunità vitale per iniziare i nostri viaggi spirituali verso l'integrità.


Crisi del quarto di vita, della mezza età e della morte

Nelle nostre società occidentali che sopprimono l'anima, molti di noi sperimentano le nostre "vere chiamate" verso il viaggio spirituale per tutta la vita, ma la maggior parte di noi non ha mai veramente "ascoltato" o risposto. Questa chiamata spirituale si presenta in molti modi durante le nostre vite, come con la morte di persone care, depressioni suicide, malattie, esperienze vicine alla morte, divorzi e così via. Ma ci sono tre pietre miliari principali che ci chiamano più rumorosamente.

La prima chiamata è quella che chiamiamo modernamente "la crisi del primo quarto di vita". La crisi del quarto di vita si verifica nel primo trimestre di vita: in genere dopo aver finito il liceo o l'università. In questo momento della nostra vita, intuitivamente sappiamo che dobbiamo "trovare" noi stessi lasciandoci alle spalle la nostra famiglia, i nostri amici e le nostre città. Queste persone e questi luoghi hanno formato le nostre identità giovanili come bambini e adolescenti. 

Questa può dare intensa paura e incertezza. Dire addio a tutti e tutto ciò che ami è un compito molto difficile. La seconda grande chiamata si presenta come una "crisi di mezza età". Questa crisi può presentarsi sotto forma di un affare, un divorzio, un'infelicità grave, un nido vuoto, relazioni senza vita, insoddisfazione della vita senza fine, o delusione per il modo in cui la vita è andata. 

In definitiva, secondo me, la crisi della mezza età arriva in un momento in cui hai raccolto abbastanza saggezza per sapere che non vivrai per sempre.




La maggior parte delle persone che soffrono di crisi di mezza età ha passato tutta la vita a crescere in famiglia o a lavorare in una carriera. Non hanno avuto il tempo o la capacità di porsi domande importanti nella vita. Alla fine, qualcosa fa scattare la domanda: "È tutto qui?" 

La terza e ultima chiamata spesso si presenta come una crisi nel punto di morte, se non rispondiamo alle due precedenti chiamate. L'inevitabilità di una morte imminente crea un così grande tumulto e angoscia dell'ego, che alla luce della coscienza è finalmente permesso di splendere attraverso di noi. Molti lavoratori dell'ospedale hanno confermato tutto ciò

Anche se è meglio tardi che mai, che peccato che così tante persone aspettino fino all'ultimo istante per assaporare la verità, l'intuizione profonda e la pace. Alcuni non l'hanno nemmeno mai provato. Dobbiamo tutti accettare la nostra morte imminente un giorno per vivere più pienamente la vita. Prima verremo a patti con questo, meglio è. Ma anche se riceviamo questa chiamata nella tarda età, siamo comunque fortunati a riceverla.


Ascoltare la tua chiamata e accettare il tuo risveglio spirituale arriva come un enomer uragano. All'improvviso tutto ciò che hai conosciuto viene strappato via da te e disperso nella tempesta. Più lotti, più soffri senza pietà. Ma nel momento in cui ti arrendi, ti trovi nell'occhio dell'uragano pacificamente permettendo a tutto ciò che non ti serve di essere spazzato via. 

Arrendersi è estremamente importante in due modi. In primo luogo, ti consente di lasciare andare il tuo precedente io limitante, ad es. tutte le tue convinzioni, ambizioni, ruoli e percezioni su come dovresti essere. E in secondo luogo l'arrendersi ti permette di incarnare la tua Anima, cioè tutti i tuoi desideri più profondi, i sogni e le passioni più sfrenate. È naturale provare paura e resistenza di fronte all'uragano. Avrai bisogno di esplorare profondamente quali parti di te stanno creando resistenza. Ci sono diversi modi per farlo, ma il modo più semplice (secondo me) è di annotare come senti la paura nel tuo corpo. Quali immagini e ricordi sorgono durante il tuo processo di resa? 

Annotare ciò che accade quando sei "chiamato" al viaggio spirituale è pure un grande esercizio, per esempio: dove eri quando è successo, cosa lo ha catalizzato, come si è sentito il tuo corpo, quali emozioni sono emerse dentro di te e altri importanti eventi della vita collegati ad esso. Mentre entri nel cuore della tua crisi esistenziale, dovrai confidare in altri che stanno vivendo esperienze simili. Questo può portare un grande senso di alleviamento emotivo e di comunanza, e puoi trovare molti gruppi online e locali dedicati ai risvegli interiori. (Ad esempio, troverai molti spiriti affini su questo sito!) 

Preparati a provare anche un'immensa solitudine. Dopotutto, abbandonare la tua precedente visione del mondo ti separa essenzialmente dal tuo modo di vivere abituale, incluse le tue vecchie ancore, i tuoi conforti e persino amici o familiari. 

Ecco alcuni modi per gestire questa temporanea solitudine.




Sfortunatamente alcune persone che attraversano crisi di vita o esistenziali gestiscono le loro precedenti responsabilità e impegni in modi malsani. Non devi necessariamente lasciare il lavoro, divorziare, vendere la tua casa, abbandonare i tuoi figli e lasciare i tuoi amici per intraprendere il cammino spirituale. Invece, iniziare il tuo viaggio significa diventare più in sintonia con la tua anima ed esplorare ciò che non supporta più la tua crescita e la tua auto esplorazione. Mi piace pensare a questo periodo della vita come una "semplificazione spirituale". In altre parole, quali ruoli, relazioni, attività e possedimenti sono nel modo in cui lo Spirito fluisce attraverso di te?






4 segni che hai ricevuto una chiamata spirituale

Quindi, come facciamo a sapere se stiamo vivendo un profondo richiamo al risveglio spirituale, o solo un momentaneo sbalzo d'umore o il desiderio di sfuggire alle nostre responsabilità di vita?

Il mitologo Joseph Campbell individua quattro qualità che accompagnano le chiamate spirituali. 

Le ho trovati abbastanza accurate ed utili:




1) Non è un elusione di responsabilità. Invece di darti l'opportunità di scappare dai tuoi problemi o dai tuoi oneri, una chiamata spirituale sembra quasi infausta. Tutti noi abbiamo problemi che preferiremmo non affrontare nella nostra vita quotidiana, ma se stai vivendo una chiamata spirituale, sentirai in qualche modo che un viaggio difficile e travolgente ti precede. Nonostante questo, c'è un profondo desiderio di affrontarlo.

2) È familiare ma spaventosa. Molti descrivono la sensazione di déjà vu o familiarità quando ascoltano la voce delle loro anime.

3) Ti senti come se avessi raggiunto la fine del tuo viaggio attuale. Che tu voglia realizzarlo o no, hai la sensazione che il tuo percorso attuale abbia raggiunto un punto morto. Ciò che una volta ti rendeva felice ed eccitato ora lo senti vuoto.

4) Non stavi cercando la tua vera vocazione, ti ha trovato. La tua chiamata era inaspettata e indesiderata. Ma ora affronti la cosa nella strada che richiede la tua decisione.





Altri segni includono emozioni intense e persino stati alterati o esperienze mistiche durante i risvegli spirituali. Chiediti cosa succederebbe se ignorassi questa chiamata? Quali emozioni sorgono dentro di te al pensiero e cosa rivelano? Potresti anche ascoltare ciò per cui ti senti attirato, perseguirlo e fare attenzione a ciò che senti intuitivamente giusto, o ha sottotoni di paura sotto. Quando è un risveglio spirituale, una vera vocazione, ti sentirai più vicino a casa ad ogni passo. 

Hai ascoltato la tua chiamata o ti senti ancora perso? Fatemi sapere nei commenti!


Mi chiamo Luca, creatore del blog Siamo Vita. Penso che fondere psicologia e spiritualità possa aiutarti a creare una vita più felice. 
Ricevi una copia gratuita del mio eBook di 31 pagine - Segreti Per Controllare La Tua Vita Tra Psicologia E Spiritualità - cliccando qui.


FONTE: lonerwolf

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è molto ben accetto su questo blog, ogni opinione è gradita ed il confronto aiuta sempre, perciò ti invito a commentare, ma tieni conto di questi semplici accorgimenti:

1. Vengono accettati solo commenti utili, interessanti e ricchi di contenuto.
2. Non linkare il tuo sito o servizio per farti pubblicità, non servirebbe, i link sono tutti no_follow e comunque il commento non verrebbe pubblicato.
3. Se il commento è offensivo non verrà pubblicato. Siamo qui per dialogare e non per insultare :)