ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

lunedì 9 luglio 2018

Pecchi Di Vittimismo? Ecco 23 Segni Per Capirlo E 9 Vantaggi Del Fare La Vittima


A un certo punto della vita siamo tutti vittime. Sia come bambini, adolescenti o adulti, tutti soffriamo di abusi emotivi, fisici o psicologici a vari gradi. 

Anche se è importante che integriamo bene ciò che ci è successo e di cui siamo stati vittime, non possiamo andare avanti con le nostra vita a meno che non passiamo dal ruolo della vittima (fare del vittimismo) al ruolo di "sopravvissuti".




Avere una mentalità da vittima va ben oltre l'esperienza di essere vittima. Quando ci portiamo dietro una mentalità da vittima o mentalità vittimista, fondamentalmente filtriamo tutta la nostra esistenza attraverso una lente mentale stretta che adottiamo come il nostro modo primario di percepire il mondo.


COSA E' IL VITTIMISMO?

Il vittimismo o mentalità da vittima è un termine psicologico che si riferisce a un tipo di mentalità disfunzionale che cerca di sentirsi perseguitato per acquisire attenzione o evitare le proprie responsabilità. Le persone che lottano con il vittimismo sono convinti che la vita non solo sia al di fuori del loro controllo, ma è che deliberatamente sia lì di proposito per ferirli. Questa convinzione comporta una costante colpa, accusa, il dito sempre puntato, e piaghe alimentate dal pessimismo, dalla paura e dalla rabbia.

In poche parole, fare la vittima o avere una mentalità da vittima significa che tu incolpi altre persone e circostanze per l'infelicità che senti.



COME SI SVILUPPA LA VITTIMIZZAZIONE

Nessuno nasce vittimista con una mentalità da vittima, proprio come nessuno nasce clinicamente depresso o ansioso. Invece, il vittimismo è un tratto di personalità acquisito, il che significa che è il risultato di una precoce condizione di condizionamento e meccanismi di coping

La maggior parte delle persone che fanno del vittimismo, sono state vittime in qualche modo da bambini, di abusi fisici, abusi sessuali, abusi emotivi o abusi psicologici. L'auto-vittimizzazione può anche svilupparsi attraverso relazioni codipendenti che abbiamo avuto con i nostri genitori, o semplicemente osservando e adottando la mentalità malsana da vittima esposta da uno o più membri della nostra famiglia. 

Tuttavia, anche se ciò che accade a noi come figli è completamente al di fuori del nostro controllo, è nostra responsabilità da adulti entrare nel nostro pieno potere e ricostruire la responsabilità della nostra felicità.


Giocare a fare la vittima ha in realtà un certo numero di vantaggi molto attraenti. Questi "premi" rendono molto difficile abbandonare una simile mentalità vittimista, ecco perché la maggior parte delle "vittime" sembra essere così emotivamente investita nel perpetuare questo tipo di comportamento tossico. 

Alcuni dei vantaggi del fare la vittima sono i seguenti: 

- Non dover assumersi la responsabilità per niente 
- Altre persone ti inondano d'attenzione 
- Altre persone si dispiacciono per te 
- Altre persone hanno meno probabilità di criticarti o di sconvolgerti 
- Hai il "diritto" di lamentarti 
- Hai maggiori probabilità di ottenere quello che vuoi 
- Ti senti interessante perché arrivi a raccontare a tutti le tue storie 
- Non puoi sentirti annoiato perché c'è troppo dramma in corso 
- Devi evitare e ignorare la rabbia perché sei troppo impegnato a sentirti triste 

Riesci a notare alcuni modelli che iniziano a emergere in questi vantaggi? Giocare a fare la vittima in realtà ti dà un sacco di potere: il potere di evitare responsabilità, il potere di sentirsi "giustamente" tristi e perseguitati, il potere di evitare emozioni scomode e il potere di manipolare altre persone.



IL LATO OSCURO DI FARE LA VITTIMA

La maggior parte delle persone che fanno la vittima lo fanno inconsciamente o involontariamente. Anche così, comunque, il ruolo della vittima coinvolge una enorme quantità di manipolazione. Le persone in rapporti o amicizie con le vittime spesso riferiscono di sentirsi come burattini che si modellano a seconda della volontà della vittima. 

Avere altre persone che si preoccupano per te è un modo semplice per avvolgerli intorno alle tuo dita e manovrarli come un burattinaio. Questa voglia inconscia di controllare gli altri attraverso le loro simpatie è solo un modo per la mente di rafforzare la sua credenza nell'identità dell'Io di "Io sono una vittima"

C'è molta comodità e "sicurezza" artificiale nel gioco dell'identità della vittima. Non solo ti ricompenserà con la mancata presa di responsabilità per qualsiasi tuo comportamento (perché le "altre persone" sono sempre responsabili), ma ti impedisce anche di sentirti a disagio con emozioni come la colpa e la rabbia, mentre al tempo stesso ti fa sentire "curato" da altri. 

La riproduzione del ruolo della vittima è anche spesso utilizzata da persone abusive e/o sociopatiche che usano questo ruolo per mantenere un guinzaglio stretto sulle persone vicine a loro. Ad esempio, una persona fisicamente abusiva potrebbe utilizzare la scusa che "deve sempre sopportare l'altra persona" come motivo per picchiare il proprio partner. 

Come possiamo vedere, l'atteggiamento del "poverino/poverina" può essere utilizzato su entrambi i lati dello spettro umano: sia persone apparentemente "normali" che persone più psicopatiche estreme e disfunzionali. Ad esempio, nelle relazioni codipendenti, l'auto-vittimizzazione può essere usata sia dall'attenuatore che dall'abusante, e talvolta contemporaneamente in una sorta di lotta di potere a fare la vittima.

Non esiste un "tipo" di persona che si inserisce nel ruolo della vittima, quindi è sbagliato dire che solo i narcisisti o i sociopati adottano questo ruolo. Ho visto personalmente tutti i tipi di persone che svolgono questo ruolo: dalle dolci vecchie nonnine agli adolescenti, madri, padri, professionisti e persino persone "spiritualmente risvegliate".



23 SEGNALI DI VITTIMISMO

Sei tu un qualcuno che ama giocare a fare la vittima? Ecco alcuni segni comuni per capire se una persona sta facendo la vittima

- Stai costantemente incolpando gli altri e le altre persone o situazioni del perché ti senti miserabile 
- Hai una filosofia del tipo "la vita è contro di me" 
- Sei cinico o pessimista 
- Vedi i tuoi problemi come catastrofi e li ingigantisci al di fuori di ogni proporzione 
- Pensi che gli altri stanno intenzionalmente cercando di farti del male 
- Credi di essere l'unica persona che è stata maltrattata 
- Continui a scavare nel passato alla ricerca di ricordi dolorosi che ti hanno fatto sentire come una vittima 
- Anche quando le cose vanno bene, trovi qualcosa per cui lamentarti 
- Rifiuti di considerare altre prospettive quando si parla dei tuoi problemi 
- Ti senti impotente e incapace di affrontare efficacemente un problema o la vita in generale 
- Ti senti attaccato quando ti viene data una critica costruttiva 
- Credi di non essere responsabile di ciò che accade nella tua vita (è sempre colpa degli altri) 
- Credi che tutti siano "migliori" di te 
- Ti sembra di godere del dispiacere per te stesso 
- Attiri persone come te (che si lamentano, non si vogliono benee si sentono vittime della vita) 
- Credi che il mondo sia un luogo spaventoso, per lo più pericoloso 
- Ti piace condividere le tue storie tragiche con altre persone 
- Hai l'abitudine di accusare , attaccare e incolpare le persone che ami per come ti senti 
- Ti senti impotente di cambiare le tue circostanze 
- Ti aspetta di ottenere la simpatia da parte degli altri, e quando questo non avviene, ti senti sconvolto 
- Rifiuti di analizzare te stesso o di migliorare la tua vita 
- Tendete a immedesimarti nelle persone quando si tratta di condividere esperienze traumatiche 
- Sei costantemente giù di umore

Come possiamo vedere, il senso permanente di essere una vittima è profondamente distruttivo sia internamente che esternamente.

Leggi anche: La Crescita Spirituale è Un Percorso Difficile?



COME SMETTERE DI FARE LA VITTIMA

Se stai leggendo questo articolo perché sospetti che potresti aggrapparti ad una mentalità da vittima, ecco alcuni suggerimenti che possono aiutarti ad uscire da questo ruolo tossico:



1. INIZIA A SOSTITUIRE "TU" CON "IO" 

Ad esempio, invece di dire "Tu mi fai sempre arrabbiare", puoi sostituire quella dichiarazione con: "Io mi sento così arrabbiato quando ti sento dire quella cosa". Questo semplice trucco può aiutarti a imparare ad assumerti più responsabilità per la tua felicità. 

2. VEDITI SEMPRE COME UN SOPRAVVISSUTO

Una vittima soffre la vita, un sopravvissuto la abbraccia. Una vittima abita nel passato, un sopravvissuto vive nel presente. Una vittima crede di essere impotente, un sopravvissuto riprende il controllo della propria vita. Anche se la mentalità della vittima è dipendente, la mentalità dei sopravvissuti è molto più potente nel lungo periodo. Una volta che inizierai a vedere te stesso come un sopravvissuto, comincerai a sentirti meglio nei riguardi della tua vita e attirerai altre persone per le giuste ragioni. L'ascolto di un sopravvissuto è molto più rinfrescante e stimolante che l'ascolto di una vittima che si butta nell'autocommiserazione. 

3. SII GENTILE E COMPASSIONEVOLE VERSO TE STESSO 

In altre parole, fai attenzione a diventare vittima dell'essere una vittima! Questo ruolo non è un qualcosa che scegli: lo sviluppi come risultato del condizionamento infantile. Essere gentili con se stessi e praticare l'amore di sé stesso è molto utile, quindi. Esplora le tue ferite più grandi e le convinzioni fondamentali che compongono la tua identità da vittima e sostituisci il lamentarsi con l'auto-compassione. 

Se stai lottando per superare il ruolo della vittima, pratica la cura di te vedendo un terapeuta. Esperimenta pratiche come il journaling, affermazioni, NLP, CBT e altre forme di amore di sé. 

4. ESPLORA LE TUE ERRATE CONVINZIONI

Le nostre convizioni sbagliate creano ansia, depressione, rabbia e colpa. Esaminiamo qui dodici diversi tipi di trappole mentali. Probabilmente sarai stupefatto da quanti tipi di credenze sbagliate hai ignorato! 

5. CHIEDITI CHE COSA CREA QUESTA SOFFERENZA? 

 Tutte le sofferenze nascono in credenze che sono indiscutibili e non esaminate nelle nostre menti. Quando ci attacchiamo a questi pensieri, soffriamo. Ricorda che non c'è bisogno di credere ai pensieri nella tua testa: i pensieri sono semplicemente le fluttuazioni di energia che assegnaamo il significato. La pratica della meditazione può aiutarti a notare come sono i pensieri transitori. 

6. PRATICA LA GRATITUDINE E IL RISPETTO

La gratitudine è un modo semplice ma potente per ricordare a te stesso che la vita non è così misera come la percepisci. Ogni giorno, cerca di trovare dieci cose per cui sei grato e felice d'esser vivo. Potresti tenere un diario di gratitudine in cui scrivi queste dieci cose o semplicemente denominarle mentalmente. Cerca di sentirti sinceramente grato col mondo per avere/sentire queste cose. 

7. AFFERMA LE TUE RESPONSABILITA'

Inizia a notare tutti i modi in cui ti sottrai alle tue responsabilità. Sii spietatamente onesto con te stesso ed esamina come ottenere la simpatia da altri ti fa sentire speciale e continuare quindi il ciclo di puntare il dito ad altri. 

Potresti voler usare un'affermazione come "Sono responsabile della mia vita" o "Posso creare un cambiamento" per aiutarti a riprogrammare questa necessità inconscia di fare la vittima. Potresti anche fare qualcosa che costruisca la tua fiducia in te stesso e in realtà ti mostra che sei in grado di ... o riflettere su qualcosa che in passato hai superato con successo. 

8. FAI UN ATTO DI GENTILEZZA VERSO QUALCUN ALTRO

Quando facciamo le vittime, tendiamo a concentrarci esclusivamente su noi stessi. Fuggi via dalla tua testa facendo qualcosa di bello per un'altra persona che ami. Ricordati che si può sentirsi bene senza manipolare un'altra persona, ed è un modo importante per tagliare via la dipendenza dell'auto-vittimismo.




Il vittimismo può essere veramente insidioso e distruttivo nei rapporti personali e nell'autostima. Ma applicando i consigli in questo articolo, spero che tu possa sentirti ispirato e potenziato piuttosto che vittimizzato da ciò che ti sta succedendo. 

Mi piacerebbe sentire qualsiasi pensiero che hai su questo argomento qui nei commenti qua sotto.

LETTURA CONSIGLIATA: Come smettere di fare la vittima e non diventare carnefice 

http://amzn.to/2F19XY4
 

Mi chiamo Luca, creatore del blog Siamo Vita. Penso che fondere psicologia e spiritualità possa aiutarti a creare una vita più felice. 
Ricevi una copia gratuita del mio eBook di 31 pagine - Segreti Per Controllare La Tua Vita Tra Psicologia E Spiritualità - cliccando qui.




FONTE: truththeory

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è molto ben accetto su questo blog, ogni opinione è gradita ed il confronto aiuta sempre, perciò ti invito a commentare, ma tieni conto di questi semplici accorgimenti:

1. Vengono accettati solo commenti utili, interessanti e ricchi di contenuto.
2. Non linkare il tuo sito o servizio per farti pubblicità, non servirebbe, i link sono tutti no_follow e comunque il commento non verrebbe pubblicato.
3. Se il commento è offensivo non verrà pubblicato. Siamo qui per dialogare e non per insultare :)