ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

giovedì 1 agosto 2019

Ci Sarà Più Plastica Che Pesci Nell'Oceano Entro Il 2050


Ci sarà più plastica che pesce nell'oceano entro il 2050, ha avvertito la Ellen MacArthur Foundation. Il rapporto, The New Plastics Economy: Ripensare il futuro della plastica, è stato prodotto dalla fondazione e dal World Economic Forum con il supporto analitico di McKinsey & Company.




Ci sarà più plastica che pesce nell'oceano entro il 2050, ha avvertito la Ellen MacArthur Foundation in un rapporto pubblicato martedì. Il rapporto, The New Plastics Economy: Ripensare il futuro della plastica, è stato prodotto dalla fondazione e dal World Economic Forum con il supporto analitico di McKinsey & Company.




Ogni anno "almeno 8 milioni di tonnellate di plastica fuoriescono nell'oceano, il che equivale a scaricare il contenuto di un camion della spazzatura nell'oceano ogni minuto", si legge nel rapporto. "Se non viene intrapresa alcuna azione, è previsto che questo tasso aumenti fino a due al minuto entro il 2030 e quattro al minuto entro il 2050."

"In uno scenario del genere, ci si aspetta che l'oceano contenga una tonnellata di plastica per ogni tre tonnellate di pesce entro il 2025, e entro il 2050 più plastica rispetto al pesce (in termini di peso)." 

La produzione di plastica è aumentata di 20 volte dal 1964, raggiungendo 311 milioni di tonnellate nel 2014, afferma il rapporto. Si prevede che raddoppierà di nuovo nei prossimi 20 anni e quasi quadruplicherà entro il 2050. Le nuove materie plastiche consumeranno il 20% di tutta la produzione di petrolio entro 35 anni, rispetto ad un 5% stimato oggi.




La grande maggioranza delle materie plastiche non viene effettivamente riciclata, secondo il rapporto. Solo il 5 percento viene riciclato correttamente, mentre il 40 percento viene inviato in discarica e un terzo finisce nell'ambiente, inclusi gli oceani di tutto il mondo. Gran parte del resto viene bruciato, il che genera energia, riporta il The Guardian, ma provoca anche "più combustibili fossili da dover consumare per fare nuovi sacchetti di plastica, tazze, vaschette e dispositivi di consumo richiesti dall'economia".


Il rapporto fornisce una prima "visione di un'economia globale in cui le materie plastiche non diventano mai rifiuti" e delinea passi concreti verso il raggiungimento del cambiamento sistemico necessario, afferma la Ellen MacArthur Foundation. 

Questa visione si basa sull'applicazione dei "principi dell'economia circolare" ai flussi globali di imballaggi in plastica, che potrebbero "trasformare l'economia delle materie plastiche e ridurre drasticamente le esternalità negative come la dispersione di plastica negli oceani", ha spiegato la fondazione. 

Il rapporto richiede una transizione dall'adozione "lineare" di oggi, creare, disporre di un "modello economico" verso un'economia che è "rigenerativa di progettazione" e che elimina del tutto il concetto di rifiuto (così come non vi è alcun concetto di rifiuto nei sistemi naturali). Il rapporto conclude che l'industria della plastica non sta facendo abbastanza per affrontare l'inquinamento plastico.




"La plastica è il materiale cavallo di battaglia dell'economia moderna, con proprietà imbattibili", ha detto il dott. Martin Stuchtey del Centro per l'economia e l'ambiente McKinsey, che ha contribuito alla stesura del rapporto. "Tuttavia sono anche l'ultimo materiale monouso. I crescenti volumi di materie plastiche di fine uso stanno generando costi e distruggendo valore per l'industria. La plastica dopo l'uso potrebbe, con il pensiero dell'economia circolare, trasformarsi in materia prima preziosa. "




Lo studio richiede imballaggi più intelligenti, come l'eliminazione graduale di plastiche rigide come polivinilcloruro e polistirolo espandibile, ridisegnando gli articoli in plastica in modo che possano essere riutilizzati meglio, ripensando i loro metodi di produzione per rendere più facile il riciclaggio e lo sviluppo di imballaggi compostabili su una scala più ampia .

Leggi anche: Questi Bruchi Mangia Plastica Potrebbero Aiutarci?





Mi chiamo Luca, creatore del blog Siamo Vita. Penso che fondere psicologia e spiritualità possa aiutarti a creare una vita più felice. 
Ricevi una copia gratuita del mio eBook di 31 pagine - Segreti Per Controllare La Tua Vita Tra Psicologia E Spiritualità - cliccando qui.


FONTE: Eco Watch

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è molto ben accetto su questo blog, ogni opinione è gradita ed il confronto aiuta sempre, perciò ti invito a commentare, ma tieni conto di questi semplici accorgimenti:

1. Vengono accettati solo commenti utili, interessanti e ricchi di contenuto.
2. Non linkare il tuo sito o servizio per farti pubblicità, non servirebbe, i link sono tutti no_follow e comunque il commento non verrebbe pubblicato.
3. Se il commento è offensivo non verrà pubblicato. Siamo qui per dialogare e non per insultare :)