ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

giovedì 30 maggio 2019

4 Rimedi Alla Procrastinazione


Ci sono periodi in cui ho procrastinato un po' più del normale ciò che dovevo (o meglio, volevo) fare, e ovviamente ciò non mi ha fatto sentire molto bene.




La verità è, tuttavia, che solitamente ci sono quasi sempre state una serie di buone ragioni per la mia procrastinazione in passato, ad esempio:

1. Ho avuto l'influenza di stagione, il che significa che, anche una volta guarito, la mia mente era stanca e aveva solo bisogno di riposare. Quindi in questi casi bisogna solo cercare di essere pazienti e di prendersi cura di sé stessi. 

2. Sono successe molte cose, alcuni imprevisti, e quindi tutti i programmi sono saltati. In questi casi, invece di tenermi a standard impossibili, devo essere compassionevole e permettermi di creare un po' di spazio, di semplificare, di trovare un percorso che funzioni per me. 

3. Tendiamo a rimandare/procrastinare quando ci spingiamo in un territorio incerto. Ciò fa emergere le paure. A volte sono scappato da quelle paure, attraverso la procrastinazione. Questo è naturale, e non dovrei sconvolgermi per questo. Invece, anche qui, posso essere compassionevole, e consapevole, e trovare un percorso per andare avanti al meglio.




Quindi se non è una cosa così brutta, la mia procrastinazione, e non dovrei preoccuparmi troppo per questo ... problema risolto, giusto? O in realtà non c'è nessun problema? 

Beh, sì ... non c'è davvero alcun problema. Questo non è niente per cui sentirsi male. Tuttavia, credo che dovremmo trovare una soluzione (o due) alla nostra procrastinazione, perché di solito significa che non stiamo seguendo la nostra significativa missione che è ciò che vogliamo fare nel mondo. Vale la pena capirlo. Rimandare sempre non è una buona soluzione, e dovremmo organizzare per evitare di procrastinare all'infinito.

Quindi, in questo articolo, voglio offrire alcuni rimedi alla procrastinazione, in modo che tutti possiamo trovare un percorso per svolgere il lavoro significativo che vogliamo fare, un percorso per offrire il nostro dono completamente al mondo.

E tutto ciò, naturalmente, succederà prima se capiamo come evitare di procrastinare le nostre cose.



La prima cosa da chiedersi, se stai procrastinando, è: "Sono stanco? Devo prendermi cura di me stesso?" 

Talvolta la mia procrastinazione è semplicemente dovuta al fatto che non mi sto riposando bene, o ho fatto così tante cose che mi sto stancando. Forse mi sono svegliato prestissimo la mattina e non mi sento energico la sera. Forse ho lavorato duramente a un progetto per una settimana senza interruzione mentale. 

Quando questo è il caso, la risposta è semplicemente riposare. Fare un pisolino. Dormire. Scollegarsi e leggere un libro in carta e inchiostro. Fare una passeggiata lenta, non per fare esercizio fisico, ma per avere un respiro mentale. Meditare. Fare un po' di yoga.

Le idee principali sono dormire, disconnettersi, allontanarsi da tutto e forse meditare. Rifletti, contempla, trova calma e quiete. 

Una volta che sei rinfrescato (e potrebbe voler dire anche solo un pisolino di 20 minuti e una breve meditazione), puoi trovare di nuovo la concentrazione mentale.



Soluzione N.2: Prenditi un (piccolo) impegno

Ciò che secondo me può aiutare contro il rimandare sempre, è impegnarsi con un mentore, che può essere un amico, il proprio partner, un familiare, a fare un sacco di lavoro in un momento specifico. E se poi quel lavoro non verrà fatto, subire una conseguenza che entrambi hanno concordato. 

Inutile dire che in genere, per evitare la "punizione", ci si attiene al proprio impegno. Si tende a finire con più solerzia il proprio lavoro, non importa quale sia. 

Quando stipuli un sacro impegno con qualcuno che rispetti, eleverai l'atto da qualcosa cui desideri rimandare, ad un "voto" che vuoi rispettare. Quindi fare il lavoro sarà qualcosa che vuoi fare! 
Consiglio: fai in modo che l'azione che in cui ti impegni sia piuttosto piccola. Ciò renderà più facile iniziare e sarai in grado di lanciare il tuo impegno senza troppi problemi.







Soluzione N.3: Creare lo spazio adatto

Gran parte del problema di fare costante procrastinazione è che ci troviamo in un ambiente che favorisce la distrazione, il fare piccoli compiti (come controllare i messaggi, rispondere alle e-mail, vedere le notifiche di Facebook, ecc.). 

Potresti metterti a fare il lavoro, ma poi decidere di controllare una cosa velocemente. E questo porta a controllarne un'altra, e così via. E prima che tu te ne accorga, è passato un giorno intero. È difficile concentrarsi quando sei in un ambiente come questo. 

Quindi il primo passo più piccolo che devi fare è creare lo spazio adatto per impegnarti e non procrastinare. Disattiva la rete Wi-Fi, configura un blocco Internet, scollega il router o vai da qualche parte dove non c'è Internet. Con un ambiente come questo, sarai in grado di concentrarti molto meglio. 

Questo è il motivo per cui a volte mi concentro bene in ambienti come gli aerei. Non c'è nient'altro da fare se non il lavoro che mi sono impegnato a fare. Ad esempio un po' di tempo fa dovevo trascrivere alcune registrazioni su un diario, e la mia massima "produttività" è risultata essere nelle sale d'attesa degli aeroporti, a bordo dell'aereo stesso, e sul treno.

Per altre persone, ciò potrebbe significare trovare uno spazio in cui non farai altro che il lavoro che dovrai fare - uno spazio di pratica per le arti marziali o la musica, per esempio, o uno spazio di lettura senza dispositivi elettronici. Crea lo spazio, cancella tutto, poi arriva a ciò che normalmente procrastini.


Soluzione N.4: trova la felicità in ciò che devi fare

Quando pensiamo al lavoro come a qualcosa di enorme e difficile, stressante e travolgente o pieno di paura ... è difficile non procrastinare. 

Quindi un cambio di mentalità sarebbe estremamente vantaggioso. Se ami farlo, non procrastinare! 

Il trucco è trovare la gioia nell'attività che svolgi. Non farlo solo come se fosse un compito ingrato da superare, o qualcosa di difficile da fare. Invece, consideralo come un'attività preziosa che puoi fare. Qualcosa che è un privilegio da fare, perché non tutti possono fare questo tipo di lavoro. 

Che cosa incredibile è essere vivi, fare questa attività proprio ora, nel miracolo dell'esistenza e di questo momento! Che cosa mozzafiato, se solo non la diamo per scontata, e apprezziamo pienamente la bellezza gioiosa e passeggera di questo momento. 

Quindi, in ogni momento, apprezza il potere profondo di ciò che stai facendo, sii completamente immerso in esso, pienamente consapevole delle sensazioni dell'esperienza e vedi se non c'è il brivido della gioia che si trova in ogni movimento, ogni respiro. 

Il tuo cervello inizierà a programmare se stesso per immergersi in questa gioiosa attività e sarai sveglio e consapevole al mondo intero.







FONTE: zenhabits
FONTE IMMAGINE

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è molto ben accetto su questo blog, ogni opinione è gradita ed il confronto aiuta sempre, perciò ti invito a commentare, ma tieni conto di questi semplici accorgimenti:

1. Vengono accettati solo commenti utili, interessanti e ricchi di contenuto.
2. Non linkare il tuo sito o servizio per farti pubblicità, non servirebbe, i link sono tutti no_follow e comunque il commento non verrebbe pubblicato.
3. Se il commento è offensivo non verrà pubblicato. Siamo qui per dialogare e non per insultare :)