ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

lunedì 26 marzo 2018

"Ho sbagliato": Ammette Un Giudice Dopo Che La Cannabis Gli Salva La Vita


Dopo che gli è stata diagnosticata una malattia terminale, un giudice che "odiava la marijuana", si è poi rammaricato di quei processi in cui ha giudicato molti colpevoli, in quanto la cannabis ha salvato la sua vita. 

Prima dello scorso anno, lo stato americano della Florida era considerato uno dei peggiori stati possibili in cui si potesse essere beccati in possesso di cannabis

Secondo un'analisi del 2009 dell'ex direttore NORML Jon Gettman, nessun stato membro in USA ha punito le persone più gravemente a causa di reati minori legati alla marijuana della Florida. Tuttavia, grazie in parte ad un ex giudice della Florida, tutto questo sta cambiando, gradualmente. 

Vediamo come.

Dal 3 ottobre 2016, per la prima volta nella sua storia, lo Stato permette ai pazienti la marijuana medica. Tuttavia, secondo l'ex giudice, la legge non va così lontano come dovrebbe.

Durante la sua carriera come giudice in Florida, Doug Bench odiava la marijuana. Ammette che ha messo nei casini centinaia di persone per questa pianta e lo ha fatto perché pensava che fosse la cosa giusta da fare. Sebbene sia troppo tardi per il giudice, ormai in pensione, per aiutare coloro a cui probabilmente ha rovinato la vita attraverso la persecuzione della cannabis, ora sta intraprendendo azioni per aiutare innumerevoli altri sia ora che in futuro.



Quando gli è stato diagnosticata una malattia polmonare cronica ostruttiva o BPCO, che può provocare una morte lenta e dolorosa, la sua vita è stata salvata dopo aver provato i benefici della cannabis nel trattamento della sua malattia. Adesso, Bench ha deciso che lo scopo della sua vita sia svegliare la gente al riguardo dei "70 anni di bugie" che il governo degli Stati Uniti ha finora detto ai cittadini riguardo la marijuana.


In un forum pubblico sulla Florida di Medical Marijuana Implementation all'inizio del 2017, Bench ha presentato un discorso potente per far notare come la legge semplicemente non va abbastanza a fondo per aiutare coloro che hanno bisogno di accesso alla cannabis per curarsi.




"Ho messo 311 persone in carcere per reati connessi alla marijuana - e ho sbagliato", dice il giudice mentre apre il suo discorso. 

"Sono stato ingannato per 30 anni, chiedendomi quanti di essi (persone che ho messo in prigione) stavano utilizzando la cannabis per motivi medici perché il nostro governo ha soppresso tali informazioni per 70 anni". Bench poi fa notare che la BPCO gli ha aperto gli occhi sugli benefici della cannabis.

"Sono ora un avvocato della marijuana medica, perché due anni fa mi è stata diagnosticata una malattia terminale", spiega, prima di dire che "le quattro ore di ricerca su Internet di sua moglie" che hanno scovato i vantaggi dell'olio di cannabis per la BPCO. 

"Odiavo l'uso della marijuana e la violazione della legge", spiega Bench. "Ma, non avevo altra scelta, dovevo infrangere la legge se volevo vivere". Bench, come tante altre persone che il Progetto di pensiero libero ha intervistato e segnalato, è stato costretto a diventare un criminale per salvare la propria vita - nella terra del libero.

Leggi anche: Legalizzare La Marijuana Avrebbe Molti Vantaggi Per Tutti


A questo punto, Bench si appoggia quindi a lasciare che il libero mercato gestisca la soluzione alla marijuana medica anziché le lenti rotelle della burocrazia. Invece di un sistema top-down dello stato che gestisce tutto per quanto riguarda una pianta che guarisce le persone, Bench promuove un'integrazione orizzontale, consentendo la facilità di accesso a tutti i livelli. 

"Al momento fatidico (al medico per ottenere la cannabis medica), tu ne hai bisogno ora, non 90 giorni da ora", ha detto Bench prima di definire la natura restrittiva della legge della Florida.

"Penso che tu debba accettare totalmente la parola" debilitante ", ha detto Bench. "Quello che ho avuto, la BPCO, una malattia del terminale, non è sulla tua lista". "Sarei morto se dovessi trattarmi con questa legge della Florida".

L'eroismo e l'umiltà mostrate da Doug Bench sono ispiratrici, a dir poco. Se una piccola frazione di persone nell'ambito dell'applicazione della legge e del governo ne avesse avute la metà di questo uomo, la guerra contro la droga sarebbe finita e le persone che possono beneficiare della cannabis ne avrebbero accesso immediatamente. 

Il progetto di pensiero libero ti saluta, giudice Doug Bench. 

Condividi questo articolo per mostrare agli altri come è possibile cambiare e anche i più feroci guerrieri contro la droga, che "odiano la marijuana", possono davvero cambiare. 

LETTURA CONSIGLIATA: Marijuana Medicinale. 

http://amzn.to/2stbLq5
 

Mi chiamo Luca, creatore del blog Siamo Vita. Penso che fondere psicologia e spiritualità possa aiutarti a creare una vita più felice. 
Ricevi una copia gratuita del mio eBook di 31 pagine - Segreti Per Controllare La Tua Vita Tra Psicologia E Spiritualità - cliccando qui.


FONTE: truththeory

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è molto ben accetto su questo blog, ogni opinione è gradita ed il confronto aiuta sempre, perciò ti invito a commentare, ma tieni conto di questi semplici accorgimenti:

1. Vengono accettati solo commenti utili, interessanti e ricchi di contenuto.
2. Non linkare il tuo sito o servizio per farti pubblicità, non servirebbe, i link sono tutti no_follow e comunque il commento non verrebbe pubblicato.
3. Se il commento è offensivo non verrà pubblicato. Siamo qui per dialogare e non per insultare :)