ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

lunedì 25 marzo 2019

Perchè Le Brava Gente Soffre?


Questa domanda ci ha perseguitato sin dalla notte dei tempi.

Da bambino, questa confusa domanda era molto probabilmente il tuo primo ingresso nel mondo confuso, criptico e crudele dell'umanità. 

Da adulto, questa domanda è molto probabilmente ciò che si annida sullo sfondo della tua mente mentre assisti a scene di sofferenza e sfortuna. E se sei una persona profondamente filosofica, questa domanda è probabilmente ciò che ti tiene sveglio la notte mentre interpreti il ruolo dell'"Enigmista" cercando di risolvere le domande più sconcertanti della vita.




Magari, potresti aver trovato temporaneamente conforto nella spiritualità e nella religione, credendo che anche se le persone buone soffrono terribilmente in questa vita, alla fine vanno in paradiso o in una specie di paradiso dopo la morte

Quando questa fu la mia convinzione principale, sentii una sorta di consolazione, un piccolo senso di sollievo e una sospensione dalle mie malinconiche riflessioni sull'esistenza

Ma alla fine sono arrivato a vedere e capire gli errori tossici del dogma religioso, percependo in profondità che questa risposta non era abbastanza, nonostante quanto piacesse al mio lato infantile. 

E così iniziò la mia eterna ricerca di una risposta a una domanda apparentemente senza risposta

Come te, ho sofferto molto in questa ricerca incessante ed ossessiva, credendo che la pace della mente si trova appena oltre l'altro lato della "Risposta." Per questo, la felicità l'ho sempre sentita "lì ad un passo" che ho più tardi scoperto che è la peggiore forma di auto-tortura. 

Ma c'è un grande valore in questa sofferenza perché dopo esserti esaurito, dopo aver raggiunto il punto di disperazione, qualcosa dentro di te si spezza. Qualcosa dentro di te cambia. Dopo aver distrutto la stretta cornice di pensiero e di riferimento, condizionata dalla società, attraverso cui hai percepito, messo in discussione e giudicato il mondo, è possibile espandere la tua mente oltre a come ci è stato insegnato a pensare.




Mi piace pensare a questo come un autista arrabbiato che infuria giù per l'autostrada. La rabbia del guidatore lo spinge a sfrecciare in autostrada come un missile, raramente deviando e mantenendo un sentiero dritto e stretto. 

Ma una volta che l'autista arrabbiato ha esaurito la sua riserva di rabbia, inizia a rallentare, a prendere tutto, e curva la sua auto verso un bivio. 

Lo stesso può essere applicato alla domanda, "Perché le persone buone soffrono?" 

Come il guidatore arrabbiato, è il nostro primo istinto seguire il nostro modo di pensare e ragionare in modo condizionato. Affinché una domanda del genere esista e continui a tormentarci, devono esistere le seguenti ipotesi:

1. C'è un qualcosa come una persona "buona" o "brava" in primo luogo. 

2. Le brave persone non dovrebbero soffrire. 

3. La sofferenza e il dolore sono una e quindi in definitiva, la stessa esperienza. 

In questo articolo, esploreremo ogni punto in profondità.



Esiste un qualcosa come una persona "buona" o "brava"?

La nostra reazione immediata alla domanda di cui sopra potrebbe essere: "Sì! Certo che esiste!"

Potremmo quindi procedere a immaginare persone come Madre Teresa, Mahatma Gandhi, Nelson Mandela, Gesù e così via. E certamente, queste persone erano gentili, compassionevoli, coraggiose e generose. Ma alla fine, erano - c'è qualcuno per la definizione di - veramente "buono"

Il problema con il nostro uso del linguaggio è che è limitante, divisivo, minimizzante e semplicistico - e lo è, deve esserlo, se vogliamo funzionare in modo efficiente come società. 

Fino a che punto arriveremmo ogni giorno se dovessimo fermarci e davvero elaborare le intricate sfumature del personaggio di una persona? 

"È una persona generosa, ma leggermente nevrotica, compassionevole, che ha un pizzico di malizia e sensualità nel tono della sua voce ... sì, mi piacerebbe conoscerla di più." 

Per semplificare le cose, molti di noi optano solamente per dire "sì, è una brava persona", invece, perché semplifica la vita. 

Il problema della dualità buoni/cattivi del linguaggio è che ci induce a credere che il mondo sia "bianco e nero": che una persona "buona" meriti di essere premiata e una persona "cattiva" meriti di essere punita. 

Questo modo pericoloso, divisivo e bidimensionale di percepire il mondo è ciò che crea così tanto della nostra sofferenza. E quando crediamo di essere persone "buone", è comune per noi sviluppare un senso di diritto che ci induce a credere che dovremmo essere esenti dalle lotte della vita.


Tuttavia, quando una tragedia o una sfortuna ci abbattono, gridiamo con rabbia o orrore: "Sono una BRAVA persona ... non VOGLIO essere punito!" 

Questo crack nel nostro modo di ragionare ci sconvolge principalmente perché ci mostra che il nostro quadro di percezione "buono e cattivo" è un'illusione: che non esiste una persona "buona" che viene sempre premiata e che non esiste una persona "cattiva" che viene sempre punita. 

La gente odia sentirlo; li sciocca e li offende molto. 

"Se non esiste una persona cattiva allora chi diavolo erano Adolf Hitler, Charles Manson e Mao Zedong? Cosa erano ... angeli?"

Un tale argomento è comprensibile e comune, ma fuorviato e un prodotto del nostro modo di ragionare o nero/ o bianco. 

Certamente questi dittatori e assassini di massa erano freddi, insensibili, crudeli, egoisti, malvagi e vili, e ci avrebbe dato grande soddisfazione vederli severamente puniti, ma è stato usato lo stesso ragionamento che usiamo contro di loro ("sono CATTIVE persone") da loro contro le persone che terrorizzavano ("sono CATTIVI, non sono veri umani, sono indegni").




Il pericolo è: una volta che abbiamo valutato moralmente qualcuno, qualsiasi forma di disdegno o persino crudeltà può essere razionalizzata (alienazione sociale, bullismo, tortura, guerre, ecc.) 

Potremmo pensare che siamo persone "buone" che meritano il meglio nella vita, ma poi altre persone potrebbero credere che siamo persone "cattive" che meritano di essere punite. 

Allora, chi ha ragione? Noi? Loro? Chi emette il giudizio finale e perché? Quale opinione soggettiva è più corretta? E anche se tu dimostrassi di essere una brava persona, sei davvero al 100% buono? 

Riesci a capire quindi il problema di dividere il mondo in un concetto troppo semplicistico buoni/ cattivi? Semplicemente non rappresenta in modo veritiero l'intero spettro di ciò che ci rende "noi" e le altre persone "gli altri".



Le persone buone dovrebbero quindi soffrire?

Come abbiamo appena visto, non esiste una persona "buona" o "cattiva" perché tutto è una questione di ragionamento soggettivo e bidimensionale. Un prete può essere pensato come "buono" da noi, ma "cattivo" da coloro che terrorizza e molesta. 

Un dittatore potrebbe essere considerato da noi "cattivo", ma "buono" da coloro che profuma generosamente di doni. 

Quindi, la domanda non è: "Le persone buone dovrebbero soffrire?", Ma: 

Perché le persone soffrono? Non sono né una persona buona né cattiva, sono semplicemente una persona ... ma perché dovrei soffrire? Ma perché non dovrei soffrire? 

E: 

Che cosa definisco esattamente come sofferenza? La sofferenza mi ha portato via qualcosa che non era mio, ad esempio, un partner, un bambino o un pezzo di terra? La sofferenza sta subendo una malattia terminale che distruggerà un corpo che non è in realtà chi sono io? La sofferenza avviene di fronte a insulti, abusi fisici o abbandono contro un'identità che non rappresenta veramente "me"

Cos'è la sofferenza? 

Come abbiamo visto, tutta la vita subisce processi di morte e perdita - è lo yin dello yang della nascita, della crescita. Una leonessa perde il suo cucciolo in una fuga di un elefante. Un pesce viene mangiato da uno squalo. Una foresta è divelta dal fuoco. Un oceano viene lentamente avvelenato e inquinato. Tutta la vita affronta la perdita e la morte. Perché non dovremmo sperimentare lo stesso del resto della vita? Perché dovremmo ricevere un trattamento speciale? Perché siamo speciali? Perché siamo separati o superiori a qualsiasi altra cosa su questo pianeta? 

Se capisci l'interconnessione della vita, la tua risposta sarà "No, non lo siamo", ma potresti esitare. "Ma perché soffriamo così tanto? Non si può mai fermare? " 

Beh, questo dipende

Leggi anche: Il Nostro Tempo è Limitato, Lo Usi Bene?



La differenza tra sofferenza e dolore

Anche se possiamo fermare la nostra sofferenza, non possiamo mai fermare il dolore perché il dolore è un elemento innato della vita. Gli uccelli mangiati dai gatti provano dolore, così le lucertole che vengono schiacciate a morte sulle autostrade e qualsiasi altro essere vivente, che respira e percepisce sul pianeta terra. 

Ma queste esperienze di dolore sono momentanee e fugaci. 

La sofferenza, tuttavia, è un'esperienza prolungata e spesso infinita che è esclusiva per noi come esseri umani. 

Soffriamo perché resistiamo alla vita e ci aggrappiamo a ciò che è transitorio e soggetto a cambiamenti come persone, relazioni, promesse, identità personali e ideologie. Quando smettiamo di aggrapparci e di resistere alle cose, smettiamo di soffrire e iniziamo a provare solo dolore, ma un dolore fugace e temporaneo. 

Sfortunatamente tendiamo a definire la sofferenza e il dolore come un'unica cosa, ma non lo sono. Uno è innaturale (sofferenza) e uno è naturale (dolore); uno è un prodotto della mente e dell'ego (sofferenza) e uno è un prodotto dell'esistenza (dolore).




Quindi perché le persone soffrono? 

Perché si aggrappano e resistono al processo naturale della vita: cambiamento, declino, morte e dolore. 

Le persone soffrono perché credono di dover proteggere i loro sensi di sé contro le "forze esterne" quando in realtà i loro sensi di "sé" sono costrutti completamente illusori della mente umana che soffocano la vera realtà di chi sono: la vita. 

Se sei Vita, come puoi soffrire? Tu sei immutabile, sconfinato, eterno e innato nel suo insieme. Ma le persone perdono il contatto con questo e, quindi, soffrono. 

Alla fine, quando vediamo attraverso l'errore di concetti come "brava gente" e "persone cattive" e capiamo che il dolore è inevitabile, ma la sofferenza è facoltativa, le nostre vite sono liberate dall'enigma eterno insito nella domanda "Perché le brave persone soffrono?"

Infine possiamo prendere la nostra umile posizione nel gioco cosmico della vita, comprendendo che anche se tutto può essere portato via da noi in qualsiasi momento, siamo già intrinsecamente interi.





Mi chiamo Luca, creatore del blog Siamo Vita. Penso che fondere psicologia e spiritualità possa aiutarti a creare una vita più felice. 
Ricevi una copia gratuita del mio eBook di 31 pagine - Segreti Per Controllare La Tua Vita Tra Psicologia E Spiritualità - cliccando qui.


Se ti è piaciuto non perderti: titolo di un post
 


FONTE: lonerwolf

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è molto ben accetto su questo blog, ogni opinione è gradita ed il confronto aiuta sempre, perciò ti invito a commentare, ma tieni conto di questi semplici accorgimenti:

1. Vengono accettati solo commenti utili, interessanti e ricchi di contenuto.
2. Non linkare il tuo sito o servizio per farti pubblicità, non servirebbe, i link sono tutti no_follow e comunque il commento non verrebbe pubblicato.
3. Se il commento è offensivo non verrà pubblicato. Siamo qui per dialogare e non per insultare :)