ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

giovedì 18 ottobre 2018

Come Dovrebbe Comportarsi Una "Persona Spirituale" ?


Come dovrebbe agire una vera persona spirituale? 
Dovrebbe essere più gentile? 
Parlare a bassa voce? 
Lavorare come guaritore olistico? 
Fare solo sesso "consapevole", non bere, non arrabbiarsi? 
Forse dovrebbe donare un sacco di soldi in beneficenza?




Voglio affermare che questi fraintendimenti circa la spiritualità confondono ciò che la spiritualità è e ciò non è, sono eccessivamente di classe e culturalmente dipendenti ed ostacolano il progresso (sì, esiste) sul sentiero spirituale. Sono anche abbastanza fastidiosi.



"Spiritualità" è un termine vago, ma ecco cosa intendo con questo. Lo uso per riferirmi a pratiche intenzionali (cioè dirette, coscienti) che agiscono sulla mente / sul corpo per cambiare la prospettiva sul sé e sull'egoismo, e portare meno sofferenza per sé stessi e gli altri. 

La stessa cosa può essere spirituale o non spirituale: puoi mangiare per mangiare o mangiare perché provi gratitudine. Entrambi vanno bene, ma solo quest'ultimo è "spirituale" nel senso che intendo qui. Certo, altri potrebbero avere definizioni diverse, e va bene.





La spiritualità può avere molte traiettorie differenti. Alcune forme di spiritualità coltivano l'amore, altre coltivano la saggezza. Alcune includono divinità, canti e devozione, mentre altre forme sono interamente atee, persino meccanicistiche.

Il punto è che la pratica spirituale può condurre in direzioni diverse. Vai all'università a Giurisprudenza e conosci la legge. Vai alla facoltà di medicina e impari qualcos'altro. Allo stesso modo, mentre ci sono dei punti in comune, impari cose diverse sul tappetino yoga, nello zendo, nella medra e nei boschi. Anche se vuoi credere che questi siano tutti volti diversi della stessa Cosa, i visi ci muovono in direzioni diverse e sottolineano aspetti diversi del mondo fenomenico.


Quindi, alcune forme di spiritualità freneranno davvero il tuo bere e la tua vita sessuale, o almeno ti chiederanno di farlo. Altre, però, no. Pensare che tutte le forme di pratica spirituale conducano a un tipo di destinazione, allo stesso identico tipo, è effettivamente errato. Fare progressi sul sentiero buddista, ad esempio, allenta l'identificazione con l'ego, e porta a comprendere intuitivamente l'impermanenza, l'insoddisfazione finale e il vuoto di tutte le cose. 

Per alcuni porta a un terreno di felicità che non va e viene - la parola "intuitivo" nella frase precedente è quella cruciale, e indica anche quanto tempo impiega tale conoscenza a nascere. Ma non porta alla conoscenza di come cambiare l'olio nella propria auto, e non porta alla simpatia per la guarigione dei cristalli, il patchouli o la canapa.



Non porta nemmeno, spesso, ad essere socialmente più abile. 




Così anche con praticanti spirituali molto avanzati che hanno rapporti sessuali con i loro studenti, o che si auto-promuovono all'infinito, o sono altrimenti offensivi e problematici. 

Come ha sottolineato Ken Wilber - la cui organizzazione ha protetto diverse persone disfunzionali - le linee etiche di sviluppo sono distinte da quelle spirituali / transpersonali. Possono essere correlate, e potremmo indicare fallimenti etici come prova di difetti spirituali, ma non sono la stessa cosa. 

La spiritualità - almeno alcuni tipi di spiritualità - semplicemente non funziona. Per questo, hai bisogno di un terapeuta, di lezioni difficili o di droghe. Né la pratica spirituale porta necessariamente ad una vita mondana meno sessuale, meno attiva. Di nuovo, potrebbe - ma non è necessario. 

Possono quindi piacerti il cibo, il sesso, i buoni libri.

Leggi anche: Il Lato Oscuro Della Spiritualità



E non tutti gli esperti spirituali tornano per addestrare altri adepti.

Questi fraintendimenti su come dovrebbe apparire una vita spirituale senza dubbio allontanano molti cinici e scettici dal prendere seriamente la spiritualità. 

Oh, lasciamolo per le persone dalla mentalità tenera della New Age, dicono. Considerando che li vedo come equivalenti spirituali di un debole di 52 chili. Tale buon gusto nel pop indie, ma così infantile spiritualmente. Poi di nuovo, chi può biasimarli? 

Con poche eccezioni  la maggior parte dei nostri eroi spirituali sono o saggi orientali o baby boomer occidentali. Si tratta di persone alle quali la maggior parte della mia età (30) e sotto non può riferirsi a livello personale. Se essere un buon meditatore significa essere uno psicanalista di 60 anni che vive in West End Avenue, la maggior parte dei miei amici non è interessata.



Non che ci sia qualcosa di sbagliato in questo. Infine, i fraintendimenti spirituali possono ostacolare il progresso spirituale. 

Sì, c'è qualcosa come l'evoluzione spirituale. Come qualsiasi altra cosa, mentre ti eserciti, diventi migliore - e non solo in termini di abilità brutali, ma in termini di cambiamenti osservabili nella mente e forse anche nel cervello. 

Nella mia esperienza, questo progresso è molto simile a fare progressi in palestra. Se fai il lavoro, prendi il ritmo. Non puoi affrettarti, ma non devi nemmeno sorvegliarlo. Da quanto ho capito, la meditazione aumenta l'attività neurale nella corteccia pre-frontale, portando a più connessioni e più "forza" per quella parte del cervello autoregolante. 

Ciò deriva dal fare il lavoro, non nello sperare in determinati risultati. Di conseguenza, potresti star bene, anche se non ti senti (ancora) diverso, e anche se non hai comprato alcun CD di Yanni

"Cosa c'è che non va?" Potresti chiedere, "Sto facendo tutto questo lavoro, ma mi incazzo ancora con mia mamma!" 

Beh, certo, benvenuti nell'essere umani. Forse, col passare del tempo, noterai che la tua rabbia dura meno tempo, che sei meno reattivo, che scegli meno combattimenti (o abbocchi all'esca meno spesso). Ma questo potrebbe essere tutto ciò che puoi sperare. Nel frattempo, la pratica sta facendo il suo lavoro, se resti con essa in una forma o nell'altra.



Per quelle che chiamerò ragioni karmiche, apprezzo sinceramente le molte delizie del mondo e, come ha detto Lou Reed, "per me perderne una, sembrerebbe superficiale"

Sono anche consapevole che la spiritualità non include per forza qualche forma di serio impegno sociale / politico. Q

Questo karma - con il quale intendo le costruzioni sociali della mia particolare sottocultura occidentale, che sembrano parte del "me" come qualcosa - potrebbe benissimo trattenermi da ulteriori progressi/evoluzioni. 

Ma è il karma che c'è. 

Liberiamoci da questa idolatria della vita spirituale. Il percorso spirituale ha troppe manifestazioni per noi per essere riduttivi su di esso, e troppe indicazioni per noi per riassumere tutto in un concetto. 

Mettere da parte questi cliché e frasi fatte può essere un passo significativo verso la libertà.

LETTURA CONSIGLIATA: Il potere dell'immaginazione 

http://amzn.to/2sAlvPI
 


Mi chiamo Luca, creatore del blog Siamo Vita. Penso che fondere psicologia e spiritualità possa aiutarti a creare una vita più felice. 
Ricevi una copia gratuita del mio eBook di 31 pagine - Segreti Per Controllare La Tua Vita Tra Psicologia E Spiritualità - cliccando qui.


FONTE: Reality Sandwich
FONTE IMMAGINE

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è molto ben accetto su questo blog, ogni opinione è gradita ed il confronto aiuta sempre, perciò ti invito a commentare, ma tieni conto di questi semplici accorgimenti:

1. Vengono accettati solo commenti utili, interessanti e ricchi di contenuto.
2. Non linkare il tuo sito o servizio per farti pubblicità, non servirebbe, i link sono tutti no_follow e comunque il commento non verrebbe pubblicato.
3. Se il commento è offensivo non verrà pubblicato. Siamo qui per dialogare e non per insultare :)