ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

martedì 14 maggio 2019

Riciclare Non Basta: Ecco I Negozi A Confezioni Zero Per Sconfiggere La Nostra Dipendenza Dalla Plastica


Avvolto, sigillato, imballato, confezionato sottovuoto. Siamo diventati abituati ai materiali di consumo confezionati in ogni modo immaginabile. 

La storia degli "imballaggi" e delle "confezioni" risale ai primi insediamenti umani. Furono usate dapprima foglie, teste e pelli di animali. Quindi ceramica, vetro e stagno. Quindi carta e cartone. Ma con l'invenzione della plastica e la celebrazione della "vita usa e getta" dagli anni '50, i costi ambientali di un mondo sovrapopolato (di persone e di plastica) sono venuti fuori con prepotenza.




La plastica ora permea quasi ogni angolo del pianeta, contaminando gli ecosistemi e ponendo una minaccia significativa alla fauna e alla salute umana. Gli imballaggi per alimenti e bevande rappresentano quasi i due terzi del totale dei rifiuti da imballaggio. Il riciclaggio, sebbene importante, si è dimostrato una strategia primaria incapace di far fronte alla portata della spazzatura di plastica. 

In Australia, ad esempio, solo l'11,8% dei 3,5 milioni di tonnellate di plastica consumata nel 2016-2017 sono stati riciclati.




Inizialmente le iniziative per ridurre i rifiuti possono essere fortemente contrastate dai consumatori abituati alla comodità, come dimostrato dalla reazione alle due grandi catene di supermercati australiane che eliminano gradualmente le buste della spesa in plastica monouso. Ma dopo appena tre mesi, gli acquirenti si sono adattati e si stima che 1,5 miliardi di sacchi in meno siano entrati nell'ambiente. 

Possiamo smaltire ulteriormente la nostra mentalità usa e getta, facendo qualcosa per ridurre tutto il confezionamento (o quasi) dei nostri alimenti e bevande? 

Sì possiamo. 

L'emergere di negozi di alimenti a zero imballaggi sta mettendo in discussione l'idea che gli articoli confezionati singolarmente siano una caratteristica necessaria della moderna industria alimentare. Queste nuove imprese dimostrano come i prodotti possono essere offerti senza imballaggio. In tal modo forniscono benefici sia ambientali che economici.





L'alternativa senza imballaggio/confezione

I negozi Zero-Imballaggio, a volte noti come negozi di alimentari a zero rifiuti, consentono ai clienti di portare e riempire i propri contenitori. Offrono prodotti alimentari (cereali, pasta, oli) e persino prodotti per la casa (sapone, detersivo per piatti). Basta portare i propri barattoli e contenitori e acquistare il minimo o quanto necessario.


Questi negozi possono già essere trovati in molti paesi in tutto il mondo. Sono più che semplici imprese commerciali che fanno una piccola differenza. Fanno parte di una tendenza importante e in crescita che promuove una mentalità di "riutilizzo" ambientalmente sostenibile. Il loro modo di fare impresa dimostra che possiamo cambiare l'attuale sistema economico "lineare" in cui prendiamo continuamente, produciamo, usiamo e buttiamo via i materiali.



Ripensare il sistema

Il packaging alimentare è parte integrante di un mercato alimentare globalizzato. Maggiore è la distanza percorsa dal cibo, maggiore è l'imballaggio. 

I negozi Zero-Packaging incoraggiano l'approvvigionamento locale. Possono quindi svolgere un ruolo importante nel potenziare l'economia locale e sostenere i produttori locali. Possono aiutare a rompere i monopoli globalizzati dell'agribusiness, rigenerando la diversità delle imprese e delle comunità rurali. 






L'imballaggio contribuisce anche a un altro problema con l'attuale sistema alimentare industrializzato. Serve anche come strumento pubblicitario, utilizzando tutti i trucchi psicologici che i professionisti del marketing usano per persuaderci a comprare un marchio anzichè un altro. 

Queste strategie attirano il desiderio, incoraggiando le persone a comprare di più di quello di cui hanno veramente bisogno. Ciò ha probabilmente esacerbato problemi come l'obesità e lo spreco alimentare. Ha dato ai conglomerati multinazionali, che hanno ampi budget per il marketing, un vantaggio rispetto ai piccoli produttori locali.

Leggi anche: Ecco La Lavatrice Che Funziona Senza Corrente



Prossimi passi

Non tutto l'imballaggio è uno spreco. Può fermare il deterioramento del cibo, ad esempio, e ci consente di gustare cibi non prodotti localmente. Ma ciò che sta guidando la crescita del mercato globale del confezionamento alimentare - che dovrebbe raggiungere 411,3 miliardi di dollari entro il 2025 - è l'aumento della domanda di confezioni alimentari monodose e portatili a causa di "cambiamenti dello stile di vita"

La maggior parte di noi riconosce che questi non sono cambiamenti di stile di vita in meglio; sono il risultato del fatto che dedichiamo più tempo al lavoro o al pendolarismo e meno tempo a mangiare più cibo cucinato e più sano.




I negozi di confezioni Zero mostrano, a modo loro, un'alternativa fattibile e salutare al sistema attuale. Sia per noi stessi, le economie locali e il pianeta. Anche se questi negozi sono ancora di nicchia, i governi interessati alla salute umana e ambientale possono aiutarli a crescere. I divieti di utilizzo di sacchetti di plastica indicano che ciò è possibile.





Con quanta facilità ci siamo adattati a non avere più quei sacchetti di plastica? Questo dimostra che noi, in quanto consumatori, possiamo cambiare il nostro comportamento. Possiamo scegliere, quando possibile, prodotti non imballati. C'è, naturalmente, un piccolo sacrificio sotto forma di convenienza, ma potremmo scoprire che ne beneficiamo di più, sia personalmente che per un maggiore bene ambientale, economico e sociale.

*** *** ***


Mi chiamo Luca, creatore del blog Siamo Vita. Penso che fondere psicologia e spiritualità possa aiutarti a creare una vita più felice. 
Ricevi una copia gratuita del mio eBook di 31 pagine - Segreti Per Controllare La Tua Vita Tra Psicologia E Spiritualità - cliccando qui.


FONTE: The conversation

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è molto ben accetto su questo blog, ogni opinione è gradita ed il confronto aiuta sempre, perciò ti invito a commentare, ma tieni conto di questi semplici accorgimenti:

1. Vengono accettati solo commenti utili, interessanti e ricchi di contenuto.
2. Non linkare il tuo sito o servizio per farti pubblicità, non servirebbe, i link sono tutti no_follow e comunque il commento non verrebbe pubblicato.
3. Se il commento è offensivo non verrà pubblicato. Siamo qui per dialogare e non per insultare :)