ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

martedì 19 febbraio 2019

Quando Senti Una Voce Che Ti Dice Che Sei Sbagliato: Cosa Fare?


Recentemente ho parlato con un paio di persone care che lottano con una voce interiore che dice loro che c'è qualcosa di sbagliato in loro. Mi ha fatto pensare a molti anni in cui ho sentito questo senso di inadeguatezza, un profondo senso di non essere degno

A volte mi capita ancora, e penso sia capitato a tutti di sentirsi stupidi, sbagliati, che c'è qualcosa che non va in noi. Questo è un problema particolarmente difficile, perché influenza tutto nella nostra vita. Ci fa lottare con fiducia e insicurezza nelle nostre relazioni (personali e lavorative). Ci rende meno felici con noi stessi e più probabilmente faccia delle catastrofi quando qualcosa va storto.




Quest'ultima cosa è difficile quando stiamo lavorando per migliorare il nostro senso di autostima, ma poi ci roviniamo e perché abbiamo la sensazione che qualcosa non va in noi, siamo severi con noi stessi e i nostri sforzi vanno a pezzi. 

Quindi cosa possiamo fare quando abbiamo questo senso critico interiore, questa voce dentro di noi che sembra ci ritenga non all'altezza? 

Non esiste una formula magica, ma ecco cosa ho trovato di utile.


La Pratica Dell'Autocompassione

Il primo posto da cui partire è l'antica meditazione di compassione e amorevole benignità. Questo perché quando ci facciamo male da anni, c'è un profondo senso di dolore e una mancanza di gentilezza verso noi stessi. Dobbiamo invertire questo, ogni giorno. Quindi la pratica è solo prenderci un minuto ogni singola mattina (o sera), fare caso al proprio dolore, e in silenzio desiderare che finisca. 

Desiderare la propria felicità. Quindi fai lo stesso per le persone che conosci. Ad esempio, potresti ripetere ognuna di queste frasi tre volte, provando a sentire sinceramente questi desideri nel tuo cuore: 

1. Possa esserci una fine alla mia sofferenza. 
2. Possa io essere felice.
3. (Pensando a qualcuno a cui tieni) Possa esserci una fine alla sua sofferenza. 
4. (Pensando a qualcuno a cui tieni) Possa essere felice.

Ciò che così andrai coltivando è una capacità di prendersi cura di sé stessi e degli altri, di essere gentili, di essere amichevoli e amorevoli. Questo non guarisce immediatamente tutto, ma è una capacità che spesso non abbiamo, e sviluppandola nel tempo, stiamo sviluppando una nuova relazione con noi stessi (e con gli altri). 

Puoi applicarlo ogni volta che hai difficoltà. Fai una pausa quando ti accorgi di essere stressato, ansioso, frustrato, arrabbiato o ferito. Allora desidera la fine della tua sofferenza e la tua stessa felicità. Parecchie volte. Con vero sentimento!



Un mantra per sostituire le vecchie abitudini

Uno dei maggiori problemi qui è che abbiamo una storia che ci raccontiamo, nelle nostre teste, su noi stessi. 

 Potrebbe essere qualcosa del genere: "Ecco, continuo a rovinare tutto. Cosa c'è di sbagliato in me? Non posso fare nulla di giusto. Faccio schifo, faccio schifo. Vorrei non essere così terribile. " 

Certo, la tua storia sarà diversa e potresti avere diverse versioni a seconda della situazione. Ma il fatto è semplice, c'è una storia che ci raccontiamo e non è utile. Ci fa stare male con noi stessi. Se lo facciamo per noi stessi, come ci fermiamo? Come possiamo ribaltare la sceneggiatura e imparare ad essere più positivi?


Per prima cosa, devi trovare un po' di gratitudine per la tua meraviglia. C'è una bontà interiore in te stesso che è sempre presente. Controlla ora: vedi se riesci a notare, nella zona in cui si trova il tuo cuore, non solo un dolore o stress, ma anche un senso di tenerezza. Questo è il tuo cuore tenero, la tua bontà fondamentale che è lì sempre. (Va bene se non te ne accorgi subito, controlla più volte oggi e vedi se riesci a notare quella tenerezza.) 

Questo è il tuo buon cuore, la parte di te che ama il mondo, che vuole offrire il tuo incredibile amore a tutti, che vuole essere felice e non ferire. È la parte che sembra così acuta. È una qualità incredibile, e tu sei nato con essa. 

Trova gratitudine per questa bontà e per tutte le altre tue incredibili qualità. Elenca le cose di te per cui sei grato, invece di concentrarti sulle parti che non ti piacciono.




In secondo luogo, programma un mantra per sostituire la tua storia inutile e dannoso. Un mantra è qualcosa che puoi dire a te stesso ripetutamente, ma soprattutto nei momenti in cui ne hai bisogno. È una nuova storia, più utile di quella vecchia. Si basa su questo senso della tua bontà interiore, la gratitudine per le straordinarie qualità che hai. 

Ad esempio, un mantra potrebbe essere: "Ho un cuore incredibile, e il mondo mi ama"

Un altro mantra potrebbe essere: "Il mondo brama me e il mio dono".  

Aiuta, perché sposta il modo in cui vediamo il mondo, cambia il modo in cui percepiamo noi stessi. Si basa su questo luogo di gratitudine e bontà interiore, e si irradia a tutto ciò che facciamo.



Preparati a una sfida di cura di te

Prenderti cura di te è un atto d'amore, e amarti in tutti i modi possibili è un buon tonico per l'auto-rigidità che hai praticato nel corso degli anni. 

Programma una sfida per fare qualcosa per prenderti cura di te stesso ogni giorno per 30 giorni. Questo potrebbe includere: 

  • Trascorrere del tempo a parlare con le persone che ami, che ti danno amore 
  • Stabilire confini sani per te stesso - dire di no alle persone, stabilire dei limiti a quanto tempo dedichi, usando i limiti per prenderti cura della tua salute mentale e fisica 
  • Fare cose che ti fanno sentire sicuro, dall'apprendimento di un'abilità che ti fa sentire competente a camminare con la testa alta, a passeggiare per la strada come un gorilla 
  • Ottenere supporto dagli altri ogni volta che ne hai bisogno, chiedendo aiuto, chiedendo a qualcuno di parlare, andando in terapia se aiuta, entrando in un gruppo di supporto, ecc. 
  • Fare qualcosa che ti aiuti a far fronte allo stress - medita, fai una passeggiata, fai esercizio fisico, fai yoga, fai il bagno, massaggia il collo e le spalle, fai un respiro profondo, bevi un tè caldo

Leggi anche: La Responsabilità Della Libertà





Queste sono solo alcune idee, ma capisci cosa intendo. Prenderti cura di te diventa la tua modalità predefinita, e quando ti stai prendendo cura di te stesso, inizi a sentirti meglio con te stesso. 

Con una pratica regolare di auto-compassione, una pratica di gratitudine verso la tua incredibilità, un mantra che cambia come ti vedi e una normale abitudine di cura di te, inizierai a lenire le inutili voci interiori e sviluppare una nuova amorevole relazione con te stesso.



Mi chiamo Luca, creatore del blog Siamo Vita. Penso che fondere psicologia e spiritualità possa aiutarti a creare una vita più felice. 
Ricevi una copia gratuita del mio eBook di 31 pagine - Segreti Per Controllare La Tua Vita Tra Psicologia E Spiritualità - cliccando qui.


FONTE: zenhabits

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è molto ben accetto su questo blog, ogni opinione è gradita ed il confronto aiuta sempre, perciò ti invito a commentare, ma tieni conto di questi semplici accorgimenti:

1. Vengono accettati solo commenti utili, interessanti e ricchi di contenuto.
2. Non linkare il tuo sito o servizio per farti pubblicità, non servirebbe, i link sono tutti no_follow e comunque il commento non verrebbe pubblicato.
3. Se il commento è offensivo non verrà pubblicato. Siamo qui per dialogare e non per insultare :)