ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

giovedì 7 febbraio 2019

Perchè Proviamo Così Tanto Dolore?


Mi sono seduto e ho pensato a cosa scrivere come titolo per questo articolo per un po', la prima idea era "perché provo così tanto dolore?" La secondo era "perché provi così tanto dolore?" 

E la terzo era dove mi sono poi fermato, con "perché stiamo soffrendo così tanto?"

Arriverò ad ogni punto in questo articolo, ma prima vorrei usare me stesso come esempio:







Perché sto soffrendo così tanto?

Negli ultimi tempi mi sono posto questa stessa domanda: perché mi sento così male? Non sto parlando di dolore fisico, ho fortuna abbastanza da non dover provare alcun dolore fisico quotidiano. È più un dolore emotivo che sembra essersi soffermato negli ultimi mesi della mia vita. Per lo più non ha molto senso. Ho un lavoro che mi piace, l'amore va a gonfie vele, ho dei bellissimi amici. 

In realtà ho la vita che ho sempre desiderato, che è diventata una realtà solo di recente. Eppure ora sto scrivendo questo articolo.

Gran parte della sofferenza per me è un mistero, ma in gran parte viene anche dal non essere in questo momento. Preoccupazioni per cose che devono ancora accadere. Preoccuparsi di restare senza soldi. Considerare di cambiare il mio lavoro. Pensare a trasferirsi. Tutti si soffermano nella mia mente e si ripetono continuamente. Provo alcune affermazioni o abitudini quotidiane per rompere questi pensieri, ma in qualche modo si insinuano, ritornano. Una delle ragioni per cui è così doloroso è che non dovrebbe essere affatto doloroso. Sono fortunato. Sono grato per quello che ho. Sono amato e amo. Vedo la bellezza nelle cose più semplici, eppure per qualche ragione mi sforzo di star bene.



L'unica conclusione razionale a cui sono arrivato è che dovrei sentirlo e in un certo senso questi sentimenti mi saranno utili in futuro. Mi sono sentito così prima, ma la differenza tra ora e allora era che avevo più di una ragione per sentirmi così in passato di quanto non faccia adesso. 

Con tutto questo in mente, ho una ragione molto forte per cui so di sapere perché mi sento così male, e questo perché vedo le altre persone soffrire così tanto. Questo mi infastidisce profondamente e mi sembra che a volte sia troppo da sopportare la sofferenza degli altri. Uno dei doni con cui sono stato benedetto è la capacità di provare i sentimenti degli altri. Che naturalmente ha i suoi benefici, tuttavia, ma significa anche che quando le persone provano dolore, tu stesso provi dolore.


Condivido il tuo dolore. Letteralmente, è lì sempre ed è forte. La mancanza di direzione che la pressione sociale mette sulle persone. La celebrazione della realizzazione che non sono i desideri fondamentali di coloro che li raggiungono. La cultura del culto delle celebrità, che pone le persone su un piedistallo, di solito per le ragioni sbagliate. 

C'è una vera pressione per essere qualcosa di irraggiungibile, o semplicemente per zittirci e andare avanti con esso. Un piccolo gruppo di persone ha creato una serie molto ristretta di obiettivi, e collettivamente si ritiene che anche noi dovremmo aspirare a qualcosa. 

La felicità non riceve l'attenzione che merita, è secondaria al successo materiale e questo non è normale. O per dirla in modo diverso, è normale, ma non dovrebbe esserlo. La scuola è orientata verso la vita lavorativa, e quando la vita lavorativa trascura la felicità della persona che lavora, generalmente non conduce in questa direzione.


È nostro diritto di nascita perseguire qualcosa che ci renderà felici, ma è stato reso così difficile tutto ciò. Gli esseri umani sono creatori naturali, ma i campi creativi sono spesso così polarizzati: spesso l'impressione è che tu sia grande o no, ma non è sempre così.

Senti dolore a causa della disconnessione con la realtà che dovresti vivere. Ciò che consuma la maggior parte del nostro tempo è ciò che diventiamo, e se la maggior parte del tempo è speso a fare qualcosa che non trova significato, la vita sarà priva di significato.



Perchè proviamo tutto questo dolore?

Penso che il vero problema sia: le cose non vanno bene e chiunque abbia a cuore le altre persone sa che il modo in cui il pianeta è strutturato non è nemmeno lontanamente corretto o giusto. Sono stato al supermercato per comprare della frutta questo fine settimana e le persone sono così infelici. Ci sono sorrisi e persone che si comportano come se non avessero un problema al mondo. 

Ma al di sotto dell'aspetto superficiale puoi sentire una profonda tristezza nelle persone, e pochissime sembrano essere realmente felici. Questa tristezza è una reazione sana alla sofferenza che sta accadendo sul pianeta. C'è così tanta divisione in questi giorni. Il governo sta cercando di togliere la libertà di parola. Ci sono guerre. Lavoro minorile. Abusi su animali. Abusi sessuale. Violenza. La letterale distruzione della nostra Terra, così le persone possono fare soldi. 

Queste cose potrebbero essere ciò che chiameremmo "normali" e ciò che è esistito per un tempo molto lungo, tuttavia, in questo momento vengono incoraggiate (direttamente e indirettamente) dalle persone che dovrebbero proteggerci. Non credo che il dolore provenga interamente dalla sofferenza, ma in parte perché molte persone si sentono senza speranza e di conseguenza rispettano cose che sanno che non vanno bene.

Leggi anche: Pecchi Di Vittimismo? Ecco Come Capirlo



Iniziazione

Prima ho detto che forse mi sento così perché anch'io lo sono, e credo che sia vero per tutti. Ci sentiamo così perché dovremmo sapere quando qualcosa non va, e quando vediamo come possono arrivare cose cattive, questo può motivarci ad agire. Forse c'è molto di sbagliato nel mondo, ma c'è anche molto giusto e più persone vogliono che le cose siano amorevoli, giuste e uguali, rispetto a quelle che vogliono tutto per sé stesse. 

Stiamo vivendo un dolore collettivo e questo ci mostra come non fare le cose. Tutto è relativo a ciò che hai vissuto e sento che gran parte di ciò che sta succedendo in questo momento ci sta dando un esempio di come non dovremmo vivere e possiamo lavorare come promemoria per le generazioni future.


Stiamo attualmente attraversando un'iniziazione globale ed è nostra scelta come reagire a questa situazione. Di fronte a tutto il dolore e la sofferenza, possiamo continuare a scegliere di amare, mostrare compassione e perdonare.  

Possiamo scegliere di non comprare cose che non sono etiche. Non contribuire alla distruzione dell'ambiente. Possiamo dare a chi è nel bisogno e non eleggere persone che non si curino di noi. 

Ho iniziato questo articolo condividendo le mie circostanze personali e concluderò dicendo che forse non sono andato bene negli ultimi mesi. Potrei non essere d'accordo in questo momento. Non posso dire che domani mi sentirò benissimo. Ma so che alla fine starò bene, e continuerò a scegliere l'amore. Se senti sentimenti simili, non lasciare che le circostanze esterne ti sopprimano, sappi che questo momento passa e le cose andranno meglio. 

La sofferenza è reale e il modo in cui avanziamo al meglio attraverso la sofferenza collettiva è guarendo noi stessi e permettendoci di increspare verso l'esterno. 

Scelgo l'amore! Scegli l'amore! Scegliamo l'amore! Condividi questo articolo!




Mi chiamo Luca, creatore del blog Siamo Vita. Penso che fondere psicologia e spiritualità possa aiutarti a creare una vita più felice. 
Ricevi una copia gratuita del mio eBook di 31 pagine - Segreti Per Controllare La Tua Vita Tra Psicologia E Spiritualità - cliccando qui.


FONTE: truththeory

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è molto ben accetto su questo blog, ogni opinione è gradita ed il confronto aiuta sempre, perciò ti invito a commentare, ma tieni conto di questi semplici accorgimenti:

1. Vengono accettati solo commenti utili, interessanti e ricchi di contenuto.
2. Non linkare il tuo sito o servizio per farti pubblicità, non servirebbe, i link sono tutti no_follow e comunque il commento non verrebbe pubblicato.
3. Se il commento è offensivo non verrà pubblicato. Siamo qui per dialogare e non per insultare :)