ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

giovedì 6 settembre 2018

Essere Posseduti Dal Demonio è Realmente Possibile O è Una Bufala?


Un argomento che talvolta sei destinato a toccare mentre percorri il tuo sentiero interiore è quello del possesso demoniaco, o possessione demoniaca, che dir si voglia.

Abbiamo tutti sentito parlare di storie che descrivono persone apparentemente innocenti che sembrano essere possedute da forze soprannaturali. Come risultato dell'essere posseduti dal diavolo, si dice che queste persone facciano cose straordinarie come parlare il latino antico, tentare di fare del male a se stessi e persino cadere in violenti episodi psicotici in cui cercano di attaccare gli altri.




Noi umani abbiamo naturalmente un fascino morboso per argomenti come il possesso demoniaco. L'idea che una forza esterna possa entrare forzatamente a prescindere dalla nostra volontà ci provoca un'intensa ansia e affascina la nostra immaginazione più oscura (basta guardare tutti i film dell'orrore come ad esempio l'Esorcista e simili).




Ma il possesso demoniaco è reale? E se sì, come possiamo evitare che ciò accada, come possiamo evitare che il diavolo ci controlli?





Origine del possesso demoniaco

La possessione demoniaca risale alle religioni abramitiche (ebraismo, islam e cristianesimo). Prendi questa citazione dal Nuovo Testamento per esempio, 

"E quando arrivò dall'altra parte, nel paese dei Gadarenes, due uomini posseduti da demoni lo incontrarono, uscendo dalle tombe, così feroci che nessuno poteva passare in quel modo "(Matteo 8:28). 

Nella tradizione islamica, i demoni sono spesso indicati come "Jinn" che sono creature ultraterrene che vengono e provocano l'umanità a peccare contro Allah. Il Corano (testo sacro del popolo islamico) parla anche di ruqya che è tradotto come "esorcismo" per far uscire i Jinn dal proprio corpo. 

La discussione sul male e sulla sua influenza sull'umanità è molto presente nei testi delle tradizioni giudaica, islamica e cristiana. Sfortunatamente, questa credenza nel "possesso demoniaco" da parte di forze esterne ha portato alla discriminazione, ai maltrattamenti e alla definitiva alienazione di ciò a cui ci riferiremmo nei tempi moderni come malati mentali.


La mia risposta? Sì e no. Dipende tutto da ciò che definite "demoniaco" o "diabolico" e da dove provengono tali forze. In senso religioso, il "possesso demoniaco" è in definitiva fuorviante e le sue interpretazioni moderne riflettono il pensiero dualistico immaturo dell'umanità

In altre parole, "buono" e "cattivo" si basano sulla convinzione semplicistica e psicologicamente giovanile che una persona o entità sia al 100% buona o al 100% cattiva. Questa divisione mentale della vita non riesce a vedere l'intero spettro e la natura sfaccettata della realtà.




Quindi, per esempio, dal punto di vista religioso, qualsiasi manifestazione bizzarra o estrema nel comportamento di una persona non proviene da una qualche forza interiore, ma è invece biasimata da qualche tipo di entità esterna. Quando si arriva a questa prospettiva religiosa, tutto il senso di auto-responsabilità, libero arbitrio e influenza psicologica viene aggirato, o peggio, visto come inesistente, perché il male viene sempre visto come proveniente da "là fuori"; non ha mai origine in noi. 

Pertanto, poiché questa forza esterna è vista al di fuori di noi, dobbiamo "sbarazzarcene" piuttosto che cercare di comprenderla, integrarla o raggiungerne il nucleo principale. Convenientemente, una volta che siamo posseduti dal diavolo non abbiamo altra scelta se non quella di cercare l'aiuto di un sacerdote o di un'autorità religiosa che poi diventa il nostro salvatore (un'altra forma di rinnegare il nostro potere personale). 

Da allora in poi, il "possesso" non viene analizzato (perché è impensabile che una tale forza possa originarsi dentro di noi), invece, è vergognosamente evitato e spaventosamente attribuito a "qualcosa là fuori" che cerca di soddisfare i suoi istinti malvagi attraverso di noi. Come potete vedere, l'approccio religioso al possesso demoniaco è alimentato dalla paura, dalla paranoia, dall'auto-perdita di potere e, in definitiva, da un fraintendimento della natura della realtà.




Ironia della sorte, la credenza nella possessione demoniaca è spesso portata da persone in movimenti spirituali molto lontani dalle religioni abramitiche (anche se ancora indirettamente influenzate). Tali convinzioni, direi, derivano da una sorta di immaturità o ignoranza psicologica che non riesce a comprendere la natura e il ruolo della mente inconscia in "possesso demoniaco"

Nella mia prospettiva, il possesso demoniaco è un fenomeno psicologico. 

Non fraintendermi: non escludo completamente il vero possesso demoniaco (cioè essere posseduti da una forza energetica oscura), ma questi sono rari. Per me, nella maggior parte dei casi, il possesso demoniaco avviene quando le forze represse della mente inconscia "agiscono" temporaneamente e assumono la nostra personalità cosciente. 

Il famoso psicoterapeuta Carl Jung si riferiva a queste tendenze represse dentro di noi come il Sé Ombra, sottolineando che: Ognuno porta un'ombra e meno è incarnata nella vita cosciente dell'individuo, più è nera e densa. Come abbiamo esplorato in precedenti articoli sull'ombra umana, questa faccia oscura e nascosta di noi stessi si costruisce attraverso il tempo, e quando non viene esplorata, alla fine esplode nella coscienza. 

L'esplosione del sé ombra nella coscienza appare spesso come cieco atto di rabbia, ossessioni nevrotiche, ansia cronica, profonde depressioni, dipendenze, depravazione sessuale - e sì, anche l'apparenza del possesso demoniaco. Quando dico possessione demoniaca, non mi riferisco a qualche entità separata al di fuori di noi stessi, ma a una forza nascosta dentro di noi, nel nostro io ombra. Poiché il nostro sé ombra contiene ogni emozione, tratto di personalità, pensiero e desiderio che abbiamo sempre considerato "inaccettabile" e così represso, un tale posto dentro di noi può davvero sembrare demoniaco - e talvolta si esprime anche in modi demoniaci.

Leggi anche: La Società In Cui Vivi Ti Preoccupa O No?





Ma per quanto riguarda i casi di possesso demoniaco in cui la persona può accedere a lingue diverse (sconosciute all'individuo reale) o conoscenze speciali? Tali casi fenomenici riflettono la nostra capacità di accedere all'inconscio collettivo, chiamato anche campo Akashico. L'inconscio collettivo, come descritto da Jung, è una vasta rete di conoscenza che "contiene l'intera eredità spirituale dell'evoluzione dell'umanità"

In altre parole, tutta la conoscenza conosciuta e creata dall'umanità è immagazzinata in questo eterico immensamente vasto (e forse infinito) "disco rigido." Proprio come il sé ombra è inconscio, lo è anche l'inconscio collettivo, il che spiega perché in alcuni stati (come il "possesso demoniaco") siamo in grado di accedere a conoscenze precedentemente inaccessibili. 

Quindi riassumendo la domanda "il possesso demoniaco è reale?" Sì, è reale, ma non è di origini esterne: è di origini interne. Più reprimiamo, sopprimiamo e neghiamo certe parti della nostra natura autentica, più è probabile che queste parti respinte si moltiplichino e si costruiscano all'interno della mente inconscia, portando infine a un episodio di psicosi (possesso demoniaco).


Come Prevenire La Possessione Demoniaca

Per non essere posseduti o conquistati dagli aspetti repressi del nostro sé ombra, dobbiamo portare alla luce della coscienza ciò che si nasconde dentro di noi. Questa pratica è chiamata lavoro ombra e richiede uno sforzo serio. A differenza di molte forme di spiritualità superficiale e sentimentale, il lavoro sulle ombre non riguarda l'affermazione delle convinzioni che hai già su di te, ma piuttosto sfidarti a crescere autenticamente. 

Per crescere veramente, devi affrontare alcuni degli aspetti più oscuri e "diabolici" del tuo inconscio per essere libero dalla loro influenza. Questo spesso richiede che tu lasci andare chi pensi di essere ed in grado di abbracciare chi sei veramente. Il lavoro dell'ombra implica accettare e integrare radicalmente ciò che trovi sepolto dentro di te - non si tratta di cercare di "uccidere", "esorcizzare" o in qualche modo bandire le parti represse della tua natura. Illuminando una luce e successivamente abbracciando le parti alienate della tua persona, sperimenterai più integrità, più pace interiore, più equilibrio emotivo e, in definitiva, più libertà. Non sarai più governato da desideri e istinti nascosti che esplodono in dipendenze, problemi relazionali e altri drammi nella tua vita cosciente.





Tuttavia, c'è un avvertimento: devi essere aperto. Se non sei il primo ad accettare ciò che trovi in ​​te stesso, farai più danni che benefici. Devi iniziare il lavoro con le ombre con una mente e un cuore che è pronto a mostrare compassione e curiosità, non giudizio e rabbia. 

Se respingi tutto ciò che trovi, seppellirai solo più profondamente i tuoi aspetti ombra nella tua mente inconscia, rendendoli sempre più difficili da raggiungere. Quindi, detto questo, ti incoraggio a esplorare un po 'di più il lavoro sulle ombre. 
Il mio ebook gratuito può aiutarti a capire di più su te stesso ed iniziare questo lavoro.

LETTURA CONSIGLIATA: Il diavolo: Un'inchiesta contemporanea



Mi chiamo Luca, creatore del blog Siamo Vita. Penso che fondere psicologia e spiritualità possa aiutarti a creare una vita più felice. 
Ricevi una copia gratuita del mio eBook di 31 pagine - Segreti Per Controllare La Tua Vita Tra Psicologia E Spiritualità - cliccando qui.


FONTE: truththeory
FONTE IMMAGINE

Nessun commento:

Posta un commento

Il tuo commento è molto ben accetto su questo blog, ogni opinione è gradita ed il confronto aiuta sempre, perciò ti invito a commentare, ma tieni conto di questi semplici accorgimenti:

1. Vengono accettati solo commenti utili, interessanti e ricchi di contenuto.
2. Non linkare il tuo sito o servizio per farti pubblicità, non servirebbe, i link sono tutti no_follow e comunque il commento non verrebbe pubblicato.
3. Se il commento è offensivo non verrà pubblicato. Siamo qui per dialogare e non per insultare :)